#scuolaperta 21 marzo – al Buonarroti si parla di una parola semplice: GRAZIE

evento

14 Giugno 2024

Cos'è

In questi giorni difficili siamo stati sommersi anche da tante parole. Ce n’è una piccola, facile facile, che qualche volta usiamo poco : GRAZIE.

Risultato immagini per grazie

Lo sapete perché si dice GRAZIE MILLE?

“Mille”era un numero molto alto nel mondo antico e quindi era abbinato a “Grazie” per esprimere un fortissimo ringraziamento.

Anche Max Pezzali canta “Grazie mille”

https://www.youtube.com/watch?v=KvS_BVda9ww

  E’con questo spirito che vogliamo dire Grazie a Viola Ardone per l’incontro che abbiamo avuto a fine febbraio a scuola nostra. 

 

 

 

 

 

Addirittura il poeta Pablo Neruda ha scritto un’ode a questa parola.

Ode alla parola grazie

Grazie alla parola
che ringrazia,
grazie e grazie
per
quanto questa parola
scioglie neve o ferro.

Il mondo appare minaccioso
finché soave
come una piuma,
chiara,
o dolce come un petalo di zucchero,
di bocca in bocca
passa
la parola grazie,
grande, a bocca piena
o sussurrata,
appena mormorata,
l’essere quindi torna al suo essere uomo
non finestra,
un certo chiarore
si spinge dentro il bosco,
ed è possibile allora cantare sotto le foglie.
Grazie, sei la pillola
contro
gli ossidi taglienti del disprezzo,
la luce contro l’altare della durezza.
Forse
anche tappeto magico
tra i più distanti uomini
sei stata.
I tuoi passeggeri
si sparpagliarono
nella natura
e ancora
nella selva
degli sconosciuti,
merci,
mentre il treno frenetico
cambia patria,
cancella frontiere,
spasiba,
accanto agli appuntiti
vulcani, freddo e fuoco,
thanks, si, grazie, e allora
si trasforma in tavolo la terra,
una sola parola l’imbandisce
splendono piatti e coppe,
risuonano forchette
e sembrano tovaglie le pianure.
Grazie, grazie
alla tua partenza e al tuo ritorno
alla salita
e alla discesa.
Ci siamo capiti, no?
tu riempi ogni cosa
parola grazie,
ma lì dove appare
il tuo piccolo petalo
si nascondono i pugnali dell’orgoglio,
e nascono due soldi di sorriso.

Pablo Neruda –

Allora grazie a tutti per l’impegno di questi giorni, grazie soprattutto agli studenti: in molti cercano di fare del loro meglio in questi giorni di scuola “diversa”.

 

Prof.ssa Beatrice Landucci

Destinatari

Costi

Contatti